Editoriale

Marco Mangani
Verso il "Gérard 2"

Nei giorni 16 e 17 marzo 2010 si è svolto, presso il Dipartimento di Musica dell’Università Autonoma di Madrid (Spagna), un incontro di lavoro che ha visto la partecipazione del Centro Studi Luigi Boccherini di Lucca e della Asociación Luigi Boccherini di Madrid; l’incontro, coordinato da Yves Gérard, ha affrontato aspetti di contenuto e questioni operative in merito alla progettata realizzazione del nuovo catalogo delle ope re di Boccherini (Gérard 2). In precedenza, tra il Centro Studi e la Asociación è stata stipulata una convenzione, in base alla quale le due istituzioni si impegnano a collaborare scientificamente in modo paritario per il progetto del nuovo catalogo.

- filosofia e assetto del catalogo
Il nuovo catalogo si ispirerà alla stessa filosofia del precedente (Gérard 1): sarà un catalogo tematico che avrà come scopo principale l’identificazione di ciascuna composizione mediante gli incipit dei singoli movimenti. Il catalogo dovrà inoltre fornire, per ciascuna composizione, le informazioni essenziali riguardanti tutti i testimoni esistenti, manoscritti e a stampa, nonché le principali notizie storiche e le indicazioni bibliografiche.

Anche nella nuova versione, il catalogo sarà ordinato per generi, poiché non esistono gli estremi, nel caso di Boccherini, per stabilire a priori un ordinamento cronologico. Dal momento tuttavia che si tratterà di un catalogo su supporto informatico (si veda più avanti il paragrafo “innovazione tecnologica”), sarà possibile per l’utente organizzare i dati secondo l’ordinamento cronologico, in base alle datazioni stabilite dal catalogo al momento della consultazione; fermo restando che si tratterà sempre di un ordinamento provvisorio, suscettibile di modifiche in base al progredire delle conoscenze.

Il nuovo catalogo sarà, come il precedente, articolato in schede, una per ciascuna composizione di Boccherini. Il punto di riferimento per l’identificazione della composizione sarà ancora costituito dal numero progressivo associato alla sigla “G” (Gérard). Nessuno dei numeri di “G” assegnati alle composizioni boccheriniane dal precedente catalogo sarà modificato nel nuovo catalogo.

- innovazione tecnologica
Nella nuova versione, il catalogo sarà elaborato su supporto informatico e sarà consultabile online. Ciò non significa rinunciare a priori all’eventualità di realizzare in futuro un catalogo cartaceo: ma lo stato dell’arte non consente, al momento, di immaginare per il catalogo un assetto sufficientemente stabile, tale da giustificare la realizzazione di un volume.

Il primo, grande vantaggio che si ottiene con il supporto informatico è infatti la possibilità di aggiornare continuamente il catalogo, man mano che la ricerca scientifica acquisisce nuovi dati (nuovi testimoni manoscritti e a stampa, nuove informazioni utili per la datazione, etc.). L’utente sarà dunque consapevole, al momento della consultazione, di trovarsi di fronte a un work in progress, e sarà incoraggiato a consultare periodicamente il catalogo per mantenere costante il proprio aggiornamento.

Un altro importante vantaggio offerto dal supporto informatico è quello dell’interrogabilità a tutto testo. L’utente avrà cioè la possibilità di cercare una fonte specifica, una specifica informazione storica o una specifica indicazione bibliografica; e potrà effettuare ordinamenti basati su criteri di volta in volta differenti (cronologico, per esistenza o meno di autografi, per numero di movimenti, etc.).

Dal punto di vista tecnologico, tuttavia, l’aspetto più innovativo del catalogo progettato in questa sede è costituito dall’interrogabilità degli incipit musicali, ossia, in termini operativi per l’utente, dalla possibilità di risalire a una composizione, o a un suo singolo movimento, conoscendone soltanto il motivo iniziale. Nel caso di Boccherini tale possibilità è particolarmente preziosa per la ricerca musicologica, data la spiccata rilevanza che la pratica del riutilizzo di uno stesso materiale tematico in composizioni differenti assume nella produzione del compositore lucchese. Fino ad oggi l’interrogazione degli incipit era possibile solo previa trasformazione dei medesimi in altrettanti codici numerici, con notevole dispendio di tempo e, soprattutto, con un’inevitabile grado di approssimazione. Grazie a nuove tecnologie in fase di sviluppo, sarà invece possibile interrogare direttamente il frammento in notazione musicale. A questo proposito, sono stati avviati dei contatti preliminari con il Centre for Computing in the Humanities del King’s College di Londra, un centro di ricerca all’avanguardia nel settore delle applicazioni informatiche in campo umanistico.

La tecnologia informatica, infine, consentirà di trasformare il nuovo catalogo nel punto di partenza privilegiato per accedere a una vasta rete di informazioni relative a Luigi Boccherini.

- una rete di informazioni
La scheda catalografica di ciascuna composizione dovrà avere un aspetto semplice ed essenziale. Ciò non significa però che il Gérard 2 rinunci ad essere anche un centro di raccolta e di diffusione di tutte le notizie disponibili su Luigi Boccherini. A questo scopo, la scheda catalografica ospiterà un certo numero di link che indirizzeranno verso altrettanti campi sottostanti, o verso pagine web di interesse rilevante per gli studi boccheriniani.

In primo luogo, la scheda di ciascuna composizione sarà collegata tramite un link a un apposito campo contenente la trattazione in forma discorsiva di tutti i problemi connessi alla composizione medesima. In quella sede gli autori della scheda motiveranno le loro proposte di datazione e le loro valutazioni circa la maggiore o minore autenticità delle fonti; più in generale, il campo conterrà tutte quelle considerazioni intorno a una composizione che non siano riassumibili nel dato sintetico inserito nella scheda.

Ogni scheda recherà inoltre un link al campo bibliografia, dove si darà conto di tutto ciò che è stato scritto intorno alla composizione schedata: non si tratterà unicamente di un elenco di titoli, ma sarà fornito anche un riassunto essenziale dei testi principali.

Particolare rilievo, infine, sarà dato tramite i link a tutte le questioni riguardanti la storia e l’attualità della recezione di Boccherini. In primo luogo, sarà ospitato un link alla discografia redatta dalla ALB, tuttora in fase di elaborazione e di ampliamento, che diverrà una delle attività scientifiche principali associate all’impresa del catalogo. (Tra l’altro, la Biblioteca Nacional de España ospita alcuni rulli degli inizi del ’900 che possono essere definiti dei veri e propri “incunaboli” della discografia). Inoltre, attraverso l’uso dei link sarà possibile rinviare ai siti delle principali riviste scientifiche, cartacee e online, alle notizie realtive a convegni e corsi universitari, alle trasmissioni radio e tv, nonché alle pubblicazioni di carattere divulgativo che svolgano un ruolo importante nella diffusione della musica di Boccherini.

- organizzazione del lavoro
Il lavoro sarà coordinato da un comitato presieduto da Yves Gérard e formato da Marco Mangani (Università di Ferrara) e Agostina Zecca Laterza (International Association of Music Libraries) per il Centro Studi Luigi Boccherini e da Germán Labrador (Universidad Autónoma de Madrid) e Isabel Lozano (Biblioteca Nacional de España) per la Asociación Luigi Boccherini.

Data la grande diffusione delle fonti boccheriniane, sarà necessario coinvolgere studiosi da ogni parte del mondo. Affinché le informazioni confluiscano nel database del catalogo senza ripetizioni o accavallamenti indebiti, sarà presto realizzato un sito che consentirà a ciascuno studioso di lavorare direttamente online dopo essersi accreditato mediante un’apposita password; le procedure di invio e inserimento dei dati saranno dunque analoghe a quelle adottate dal Centro Studi Giacomo Puccini per la pubblicazione online dell’epistolario pucciniano. Il sito del Gérard 2 prevederà dunque un accesso libero per la consultazione e un accesso riservato per gli studiosi.

Una particolare cura sarà dedicata al coinvolgimento di giovani studiosi (neolaureati, dottorandi e dottori di ricerca).

- obiettivi immediati
L’incontro di Madrid ha fissato due scadenze per l’anno 2010.

Entro il mese di giugno sarà completata la schedatura preliminare di un campione di undici composizioni, scelte in modo tale da coprire la più vasta casisitica possibile.

Entro la fine dell’anno sarà realizzato in forma preliminare il sito web del catalogo, che sarà presentato al pubblico in una conferenza stampa congiunta del Centro Studi di Lucca e della Asociación di Madrid.